http://www.ariannavanini.it/italiano/files/gimgs/79_fachiro3.jpg
senza titolo/2009/particolare/ferro, mine di grafite/cm180x70x13
http://www.ariannavanini.it/italiano/files/gimgs/79_fachiro1.jpg
senza titolo/2009/ferro, mine di grafite/cm180x70x13
http://www.ariannavanini.it/italiano/files/gimgs/79_fachiro4.jpg
senza titolo/2009/particolare/ferro, mine di grafite/cm180x70x13
http://www.ariannavanini.it/italiano/files/gimgs/79_fachiro2.jpg
senza titolo/2009/particolare/ferro, mine di grafite/cm180x70x13

senza titolo/2009
ferro, mine di grafite/cm180x70x13



La meditazione è l'arte della consapevolezza senza sforzo.

L’installazione ricorda, per aspetto e dimensioni, un letto di chiodi. Originariamente gli asceti indiani dediti al fachirismo si servivano di questo tipo di strumenti per raggiungere livelli di consapevolezza piu? elevati attraverso la meditazione.
In questo caso lo spettatore si trova di fronte un oggetto inquietante e potenzialmente pericoloso. La pericolosita? e? pero? solo apparente: dietro ad essa si cela un’estrema fragilita?. Infatti quelli che
ad un primo sguardo sembrano chiodi, sono in realta? mine da disegno. Le mine sono minacciosamente acuminate, ma inoffensive: si spezzano non appena vengano sottoposte alla minima sollecitazione.
La ricerca non trova fine, e? un’incertezza dolorosa, un tentativo dall’esito frustrato in partenza.